martedì 21 febbraio 2017

CORRUZIONE ELETTORALE IN TRENTINO #PATT & #PD: ELEZIONI FALSATE, SI VADA SUBITO AL VOTO!

Offrire soldi in cambio di sostegno elettorale, non è solo politicamente disonesto, ma è anche un reato. Lo ha stabilito oggi il giudice a Trento con una sentenza chiarissima, che ha confermato la denuncia fatta l’anno scorso dal M5S.
Alla vigilia delle elezioni provinciali 2013 il consigliere provinciale Lorenzo Baratter, assieme a Giuseppe Corona e al comandante degli Schützen Paolo Dalprà, aveva messo nero su bianco un accordo con cui si impegnava a versare 500 euro al mese alla Federazione degli Schützen, in cambio del loro pieno sostegno elettorale. Puntualmente, una volta eletto, Baratter ha cominciato a versare agli Schützen quanto promesso. Contro questo scandalo il M5S si è battuto in tutti i modi: abbiamo presentato un esposto in procura, ci siamo opposti alla richiesta di archiviazione, ci siamo costituiti parte civile nel processo penale. Oggi, finalmente, la sentenza del giudice, che getta piena luce su questo fatto politicamente vergognoso. Siamo soddisfatti, ma non ci fermiamo: la giunta provinciale di centrosinistra non può continuare a governare se ci sono le prove che le elezioni sono state inquinate: chiediamo, pertanto, le dimissioni immediate non solo del consigliere Baratter, ma dell’intero consiglio provinciale! La parola va restituita ai cittadini, che hanno il diritto di essere rappresentati da portavoce onesti.