giovedì 1 settembre 2016

ERRANI NON LO SA... RICOSTRUZIONE EMILIA, I DATI DEL FALLIMENTO

Dal sito della Regione E.R: SFOLLATI ad Aprile 2016 (4 anni) ancora 445 persone nei moduli abitativi provvisori (che secondo Errani non dovevano esserci) e più di 3.000 famiglie fuori dalle loro abitazioni ad oggi, oltre 8.300 persone ancora fuori dalla loro casa, inagibile, e che non sanno quando potranno rientrarvi;

ABITAZIONI (al netto di rifiuti e rinunce a Giugno 2016) le abitazioni più danneggiate (E pesanti) sono al 54% tra erogato/concesso (vuol dire che non si distingue tra ciò che è stato stanziato e ciò che è stato effettivamente liquidato, in ogni caso la metà, e meno della metà per l'effettiva liquidazione dei contributi), 1500 aventi diritto non hanno presentato la domanda;

IMPRESE (Giugno 2016) su 3409 richieste (al netto di rifiuti, delocalizzazioni, chiusure, rinunce) liquidate 1931 (al momento le altre quindi si sono arrangiate).

OPERE PUBBLICHE (Aprile 2016): ll 31% degli interventi ha avuto l’approvazione e l’assegnazione delle risorse.

MILIARDI: 13.000.000.000 DANNO STIMATO, 6,6.000.000 STANZIATI 1.419.172.115 ASSEGNATI. Siamo ad un quarto dei soldi stanziati è un nono dello stimato.

ERRANI NON LO SA...



che in Emilia c’è chi è stato lasciato solo, e sono in tantissimi, sono i terremotati in classe A, chi 5 chi 10 chi 20 mila euro di tasca propria per i danni, e chi ha ancora crepe da stanza a stanza perché quei soldi non li ha,

che grazie alla chiarezza e semplicità delle sue ordinanze ogni Comune fa come gli pare, caso per caso, interpretate a piacere dai suoi cari sub commissari,

neanche Errani lo sa;

che c’è un suo sub commissario sotto indagine per abuso edilizio per una pratica di ricostruzione autorizzata con eccessiva leggerezza, addirittura rinviato a giudizio per omicidio colposo plurimo e falso, che resta però al suo posto,che il capufficio di un altro comune è già stato condannato per abuso d’ufficio perché aiutava gli amici concedendo gli appalti della ricostruzione

neanche Errani lo sa;

che nei cantieri pubblici della ricostruzione ha lavorato l’Ndrangheta, che non sono state le norme sulle White List gestite dalla Prefettura e dal commissario ad impedirlo ma che c’è voluto un sostituto procuratore della DDA,

che nei cantieri della ricostruzione pubblica sono state sotterrate tonnellate di amianto, che rimarranno a futuro ricordo e che i sindaci, sub commissari, dicevano essere solo una bufala,che gli artigiani del territorio stanno lavorando solo per ditte di fuori che hanno preso i lavori a prezzi bassi e che sono continui i fallimenti,

Errani questo non lo sa;

che i moduli abitativi provvisori sono costati al mq.come fossero appartamenti e che solo per l’energia elettrica costano più che un affitto,

Errani anche questo non lo sa;

che scuole ed ospedali non sono stati adeguati all’antisismica, ma solo al 60%,che si è ricostruito con cemento depotenziato anche nelle scuole su cui indaga la DDA,

ma Errani non lo sa;

che si stanno ricostruendo fienili inutilizzati da sempre, fatiscenti, abbandonati, come fossero ville, da milioni di euro e che spuntano dal nulla come fossero funghi,

questo Errani ancora non lo sa;

che i cittadini terremotati vanno ascoltati, aprendo le porte della Regione e l’ufficio del commissario,

Errani non lo sa;

che i soldi delle assicurazioni sugli edifici pubblici sono stati usati dai comuni per ripianare i bilanci

Errani non lo sa

che la Zona franca urbana si poteva fare,

lui non lo sapeva ...

Adesso basta, a voi amici, nuovi terremotati, che ricevete in dono Errani (?) e le nostre scuse, se non è un testone qualcosa dovrebbe aver pur imparato; per sicurezza comunque non fate calare l’attenzione.

Se questo è il "modello Emilia" dopo 4 anni! #noinondimentichiamo #terremoto