giovedì 23 giugno 2016

CURRICULUM VITAE di DAVIDE FARAONE

Davide Fanfarone è (purtroppo) nato a Palermo il 19 luglio del 1975. Contro ogni legge della natura ha trovato moglie e dal 9 dicembre di un anno infausto, nonostante il suo diploma da Perito chimico, solo da poco trasformato magicamente in laurea, diventa responsabile nazionale di Welfare e Scuola del Partito Democratico. Da allora tutti si chiedono perché non sia Perito prima.
Dal 2009 al 2012 ha ricoperto l’incarico di capogruppo del PD di Palermo, dove svolge un ruolo di primo piano nella battaglia ostruzionista presentando da solo più di 1500 emendamenti, salvo poi dimenticarsene nel 2015 e scagliarsi violentemente contro i numerosi emendamenti del DDL scuola.
La formazione politica di Faraone si deve a Mirello Crisafulli, che del suo ex pupillo dice: “Davide Faraone l’ho allevato io, difendendolo nella lunga serie di minchiate che ha combinato”.

Faraone è anche componente della Commissione Antimafia e si è distinto, nella sua Palermo, per le battaglie condotte sulla trasparenza degli atti amministrativi, denunciando numerosi scandali che ovviamente poi hanno coinvolto anche lui: è infatti indagato per peculato nell'inchiesta "spese pazze" dell'Assemblea regionale siciliana, sull'uso illecito dei fondi destinati ai Gruppi parlamentari; gli vengono contestate spese per 3.380,60 euro. Ma lui stranamente si dichiara innocente.
Nel 2012 si candida alle primarie del centrosinistra della città di Palermo, ma ovviamente non vince. Non volendolo nessuno e non sapendo dove collocarlo, il PD cerca per lui (e purtroppo trova) un ministero in cui possa fare tranquillamente tutti i danni che vuole: il MIUR. È un segnale forte da parte del PD, un gesto di fiducia e un messaggio di speranza verso tutti i cittadini, perché se ce l'ha fatta lui col diplomino, a diventare SOTTOSEGRETARIO al Ministero dell'ISTRUZIONE, dell'UNIVERSITÀ e della RICERCA, a 20.000 € al mese, allora possono farcela tutti.
Da sotto-moltosotto-segretario alla Distruzione, Faraone convoglia su di sé l'attenzione di tutto il comparto scuola, soprattutto grazie ai suoi numerosi interventi e alle profonde dichiarazioni in merito, come:
- le occupazioni a scuola “sono più formative delle ore passate in classe ... ho partecipato anche io ad occupazioni ed autogestioni scolastiche" (bell'esempio!);
- "Ascolto, ascolto, ascolto. È questo il metodo che ci siamo dati per tutte le riforme messe in campo" (poi però alle audizioni non ascolta nessuno e gioca con i suoi due telefonini);
- domani allo sciopero ci sarà "una minoranza chiassosa, ma pur sempre una minoranza" (un veggente nato!!!);
- "il sindacato ha scelto di fare uno sciopero incomprensibile" (che lui non comprenda è ormai assodato);
- "Non saremo più un assumificio" (che si riferisse al MIUR?);
- il boicottaggio dei test Invalsi già in atto è "indecente" (l'indecenza è in chi parla a sproposito);
- prima degli scrutini: "Il blocco degli scrutini alla fine non ci sarà" (ancora chiaroveggenza!);
- sulla scuola: "Io vedo la scuola come uno specchio che si è rotto" (che speriamo gli porti sette anni di disgrazia)
- sulla riforma: "...che dovevamo fare, restare nella melma per la pace sociale?" (no, dovevate solo restare nella melma);
- " Mi vogliono mummia, dimenticano che sono Faraone" (forse, se avesse studiato un po' di storia, saprebbe che la maggior parte delle mummie sono appunto faraoni).
Alla luce delle seguenti esternazioni sono in preparazione per Faraone, unguenti per l'imbalsamazione, garze, bende, vasi canopi e sarcofagi di varie misure. Non occorrono uncini per estrarre il cervello dal naso, ne verrebbe fuori solo inutile muco. La mummia verrà poi accolta in una piccola ma significativa piramide. Fa curriculum.



----> NON perdere:
il CV del #PD http://goo.gl/NB8XUf
il CV di Renzi http://goo.gl/YFeiKt
e CHI arrestano ogni settimana http://goo.gl/tPkfEX