sabato 30 dicembre 2017

GIOVANNI FALCONE: HO IMPARATO...

"Conoscere i mafiosi ha influito profondamente sul mio modo di rapportarmi con gli altri e anche sulle mie convinzioni.

Ho imparato a riconoscere l'umanità anche nell'essere apparentemente peggiore; ad avere un rispetto reale, e non solo formale, per le altrui opinioni.
Ho imparato che ogni atteggiamento di compromesso -il tradimento, o la semplice fuga in avanti- provoca un sentimento di colpa, un turbamento dell'anima, una sgradevole sensazione di smarrimento e di disagio con se stessi.

L'imperativo categorico dei mafiosi, di <<dire la verità>>, è diventato un principio cardine della mia etica personale, almeno riguardo ai rapporti veramente importanti della vita.".