martedì 14 marzo 2017

#NoSlot #SlotMob #Azzardopatia TOTI E LEGA NORD PREFERISCONO LE LEBBY

Neanche 370 giorni fa Toti, durante la passerella offertagli dalla prima giornata nazionale delle Regioni e degli Enti locali sul contrasto al gioco d'azzardo, firmava a “casa” Maroni e insieme ad altri 5 Presidenti di regioni italiane il “Manifesto contro l’azzardopatia” e che chiedeva non si retrocedesse dai terreni conquistati grazie alle azioni di contrasto messe in atto dalle Regioni, come la limitazione della diffusione delle apparecchiature prevedendo distante limite da istituti scolastici, luoghi di aggregazione giovanile o di cura, limitarne la pubblicizzazione, prevedere specifiche autorizzazioni comunali e limitare gli orari, costruire un sistema sanzionatorio efficace ed istituire organi regionali per il monitoraggio.



Oggi apprendiamo che Toti, sotto pressione per le prossime elezioni amministrative genovesi e spezzine, vuole rinviare di un anno l’entrata in vigore della legge regionale, in barba a quell’impegno contro l’azzardopatia, alla faccia dei tanti liguri e delle loro famiglie che si rovinano alle slot e alle videolottery e delle tante amministrazioni locali che su quell’architrave avevano costruito regolamenti e portato avanti azioni di vera e propria salvaguardia sociale.

Non importa siano passati 5 anni, da quel lontano 2012 in cui in consiglio regionale quella legge venne approvata all’unanimità anche grazie ai voti di Lega Nord e Forza Italia, durante i quali, tutte le parti coinvolte, potessero mettersi in regola.

Oggi Toti e Rixi scoprono, dopo due anni al governo della Regione, che nessuno ha fatto nulla, nessuno si è preoccupato nel più classico dei comportamenti italici contando sempre sull’infinita avidità di consenso e voti della solita classe politica, mentre al contrario invece la legge contro le azzardopatie faceva scuola e permetteva di ridurre l’offerta di azzardo nella nostra regione.

Non importa se il gioco d’azzardo è ormai divenuto una piaga sociale che ci investe ad ogni angolo delle nostre città, oggi per Toti e Rixi l'importante è conquistare i voti dei tabaccai e delle lobby del gioco per le prossime elezioni comunali, perché questo rinvio ha proprio il fetore del più classico voto di scambio.

Aspettiamo di vedere in cosa consisterà la "scarpa sinistra" di “Lauriana” memoria.

#NoSlot #SlotMob #Azzardopatia





Nessun commento:

Posta un commento