lunedì 2 maggio 2016

L'età d'oro del traffico di droga: come Meth, cocaina, eroina e muoversi nel mondo


I diplomatici e alti funzionari dei governi di tutto il mondo si sono riuniti la scorsa settimana presso la sede delle Nazioni Unite a New York per discutere di cosa fare con il problema globale della droga. Nel corso di quattro giorni e più discussioni, i dignitari riuniti promesso di adottare un approccio più completo al problema rispetto agli anni passati - ma hanno anche deciso di mantenere condurre la guerra alla droga.

Il "documento finale" adottato durante la sessione speciale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGASS) invita i paesi a "prevenire e contrastare" criminalità legata alla droga interrompendo il "coltivazione illecita, produzione, fabbricazione, e il traffico" di cocaina, eroina, metanfetamine, e altre sostanze vietate dal diritto internazionale. Il documento ha anche ribadito "impegno costante" delle Nazioni Unite di "riduzione dell'offerta e le relative misure."



Eppure, secondo i dati delle Nazioni Unite, l'approccio fornitura orientata a combattere il traffico di droga è stato un fallimento di proporzioni epiche. Lo scorso maggio, l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ha pubblicato una relazione Drug 2.015 mondiale, il che dimostra che - nonostante i miliardi di dollari spesi cercando di sradicare coltivazioni illecite, cogliere i carichi di droga, e trafficanti di arresto - più persone che mai sono sballando.

L'UNODC conservativamente stimato che nel 2013, l'anno più recente per il quale sono disponibili i dati, 246 milioni di persone in tutto il mondo, o 1 su 20 individui di età compresa tra i 15 ei 64 anni, usato una droga illegale, con un incremento di 3 milioni di persone nel l'anno scorso. Più allarmante, 27 milioni di persone sono state caratterizzate come "consumatori problematici di droga." Solo uno su sei di questi consumatori problematici hanno avuto accesso a qualsiasi tipo di trattamento delle tossicodipendenze.

Nel frattempo, in una tavola rotonda delle Nazioni Unite sulla criminalità connessa alla droga e riciclaggio di denaro la settimana scorsa, l'ordine del giorno ha osservato che, mentre i trattati di droga rimangono invariati, il crimine organizzato ha tenuto il passo con l'espansione dell'economia globale: "I progressi della tecnologia, dei trasporti, e di viaggio hanno aggiunto per l'efficienza e la velocità del fluido dell'economia globale. Sono inoltre dotati di efficacia simile al business delle reti di traffico. "

Correlati: Meth, Omicidio, e affare misterioso della DEA Con l' 'uomo più pericoloso nel mondo'

In altre parole, la globalizzazione ha portato ad un'esplosione di traffico di droga. Più di 420 milioni di container attraversano i mari ogni anno, trasportando il 90 per cento del carico del mondo. La maggior parte trasportare merci legittime, ma le autorità non li può prendere visione, e alcuni sono usati per il contrabbando di droga - o altrettanto importante, i prodotti chimici usati per fare meth ed economicamente foglie processo di coca e papavero da oppio in cocaina ed eroina. Gli aerei, sottomarini, motoscafi, camion, tunnel - nel suo complesso, i sistemi utilizzati per spostare droghe illegali in tutto il mondo comprendono una rete logistica probabile più grande di Amazon, FedEx e UPS combinati.

Proprio come tutti che il carico illecite si muove in tutto il mondo è in continuo movimento. Nuove rotte evolvono come autorità giro di vite, le leggi si evolvono, le guerre scoppiano, ed i cambiamenti climatici. Durante UNGASS, VICE parlato con i funzionari UNODC dal Messico e Sud-Est asiatico, nonché con esperti indipendenti sulla criminalità organizzata in America Latina, per conoscere le ultime tendenze che determinano come le droghe sono contrabbandate in tutto il mondo.

Abbiamo anche abbattuti informazioni da parte del citato rapporto dell'UNODC, il rapporto del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti strategia internazionale di controllo degli stupefacenti, la relazione della Casa Bianca sulla strategia nazionale di controllo della droga, e una varietà di altre fonti.

Questo è ciò che abbiamo imparato a conoscere l'odierna età d'oro del traffico di droga.

Cocaina: guerriglieri e oro
Nel 1998, l'ultima volta che l'ONU ha tenuto una riunione speciale per discutere la politica sulle droghe, l'obiettivo dichiarato era "eliminare o ridurre in modo significativo la coltivazione illecita della pianta di coca, pianta di cannabis e papavero da oppio entro l'anno 2008." Anche a ben vedere, almeno una parte di tale obiettivo non sembra del tutto fuori portata: solo una manciata di paesi andini - Colombia, Perù e Bolivia - sono responsabili per quasi tutta la fornitura globale di cocaina.

Finanziato in gran parte dagli Stati Uniti - il più grande consumatore di cocaina del mondo - Colombia e Perù hanno trascorso decenni e molti dollari a spruzzo veleno sui campi dei contadini impoveriti, o contadini, che si rivolgevano a coca, perché è molto più prezioso di altre colture. Coca ha anche alimentato conflitti in entrambi i paesi. Brillanti guerriglieri Path del Perù ancora il controllo del territorio ricco di coca nella regione VRAE remota del paese, mentre FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia) guerriglieri in Colombia hanno finanziato insurrezione più lunga dell'emisfero occidentale con i profitti del traffico di droga.

Mentre le stime ufficiali brevemente messo Perù in vista della Colombia nella produzione globale di cocaina, la patria di Pablo Escobar riguadagnato il primo posto dopo la sua uscita della polvere bianca a spillo del 44 per cento l'anno scorso. Una varietà di fattori sono dietro l'aumento, tra cui un accordo di pace tra il governo colombiano e le FARC; e, stranamente, il prezzo dell'oro.

La criminalità organizzata Global Initiative contro transnazionale ha pubblicato un rapporto di questo mese che collegava Plan Colombia - la campagna sostenuta dagli Stati Uniti, che ha finanziato delle colture di eradicazione e paramilitari di coca per combattere la (Esercito di Liberazione Nazionale) FARC e ELN, un altro gruppo di guerriglieri - per l'aumento del miniere d'oro illegali. La guerra alla droga ha fatto risalire il costo di fare business per i guerriglieri, narcos, e contadini allo stesso modo, che sono passati a oro come un più sicuro, più redditizia alternativa alla coca, l'Iniziativa Globale ha detto.

"Questi gruppi si sono affrettati a rendersi conto che prendendo il controllo di vaste aree di terreno a distanza di attenzione del governo e che domina le aziende che minate quella terra permetta loro di generare margini di profitto più grandi con rischio molto più basso," la relazione ha rilevato. "Il cambiamento di strategia da parte dei gruppi del narcotraffico ha dimostrato un tale successo che in Perù e Colombia - i maggiori produttori di cocaina al mondo -. Il valore delle esportazioni di oro illegali ora supera il valore delle esportazioni di cocaina"
Google Traduttore per il Business:Translator ToolkitTraduttore di siti webStrumento a supporto dell'export


Secondo James Bargent, un giornalista Medellin-based e analista specializzato in criminalità organizzata colombiano, la valutazione della Global Initiative è accurato. Parlando al vizio Notizie a seguito di un viaggio in aree di coca-produzione nella regione di Antioquia in Colombia, ha detto il calo dei prezzi di oro in combinazione con la smobilitazione incombente dei gruppi di guerriglieri ha portato ad un raccolto eccezionale di coca.

"È possibile tracciare su e giù per l'estrazione dell'oro illegale e di coca", ha detto Bargent. "Quando eradicazione stava impazzendo e aerei sono stati a spruzzo ovunque e arrotondamento agricoltori, i prezzi dell'oro sono schizzati alle stelle, e un sacco di agricoltori passati a minerarie. Ora hai il contrario accade. Lo stato è il giro di vite sulle miniere e prezzi non sono più in alto in modo che sia meno rischioso per andare al di coca ".

I guerriglieri sono profondamente coinvolti nel traffico di cocaina: Nel mese di novembre, l'esercito colombiano arrestato un composto giungla che apparteneva al ELN con un laboratorio che è stato riferito, in grado di produrre sette tonnellate di polvere al mese. Altri rapporti indicano che più potente organizzazione criminale del paese, il Urabenos, si appresta ad assumere la produzione di cocaina dopo che i guerriglieri deporre le armi come parte del trattato di pace. Ma la guerriglia non stanno dando la loro attività senza combattere - FARC e ELN combattenti si sono scontrati recentemente con i membri Urabenos in Antioquia, come riferito sopra tappeto erboso coca-produzione.

"L'ELN e Urabenos stanno iniziando al faccia a faccia su chi sta andando a riempire il vuoto quando le FARC andare", ha detto Bargent. "Quello che ho sentito è che i Urabenos sono incoraggiando le persone a tornare a coca [da miniere d'oro], e stanno pagando le persone più per chilo di foglie di guerriglieri. Stanno cercando di posizionarsi per quando l'inizio FARC allontanandosi. "

cocaina colombiana scorre tipicamente nord verso l'America centrale e il Messico per vie marittime, spesso attraverso semi-sommergibile "narco subs" che può trasportare fino a 14.000 libbre per la spedizione. barche convenzionali scendono anche i carichi nei Caraibi, con la Repubblica Dominicana che emerge come punto di trasbordo chiave per la cocaina nel suo cammino verso l'Europa e gli Stati Uniti.

'Io non voglio sfidare la logica economica e dire l'offerta crea la domanda, ma in una certa misura ci si sente in questo modo.'
Peruviano pasta di coca è spesso trasformato in polvere in Bolivia, e le autorità di entrambi i paesi hanno trascorso gli ultimi due anni cercando di smantellare un cosiddetto "ponte aereo" che vede piccola mosca velivolo da un paese all'altro tramite piste di atterraggio nella giungla a distanza. cocaina peruviana tende a trovare la sua strada verso l'Europa attraverso il Brasile e l'Argentina, spesso con scali in Africa occidentale. L'UNODC riferisce che la cocaina colombiana muove anche verso l'Europa attraverso l'Africa occidentale, a volte dopo aver attraversato il Venezuela. 'Mafiosa ndrangheta in Italia è pensato per controllare la maggior parte del traffico di cocaina del continente.

"Tra il 2004 e il 2007, di almeno due distinte hub di trasbordo sono emersi in Africa Occidentale: uno incentrato sulla Guinea-Bissau e Guinea, e uno al centro del golfo del Benin, che si estende dal Ghana alla Nigeria trafficanti colombiani trasportati cocaina 'madre. nave 'verso la costa dell'Africa occidentale prima di scarico di navi più piccole ", secondo l'UNODC. "Alcune di queste cocaina procedette poi via mare in Spagna e Portogallo, ma alcuni è stato lasciato come pagamento di africani occidentali per la loro assistenza."

Secondo la DEA, il 90 per cento della cocaina destinata per l'US si muove attraverso il Messico e l'America centrale. Il rapporto dell'UNODC ha osservato che la domanda di cocaina negli Stati Uniti è sceso di quasi la metà dal 2006, ma l'uso del Centro America come punto di trasbordo ha portato alla nascita di mercati di cocaina nazionali in paesi come Honduras e El Salvador. Steven Dudley, co-fondatore di InSight Crimine, una fondazione che studia il crimine organizzato in America Latina, afferma che il fenomeno è causato in parte da trafficanti paganti intermediari con la cocaina piuttosto che in contanti.

"In America centrale, in quartieri molto poveri [città honduregna di] San Pedro Sula, abbiamo visto persone che vendono cocaina in polvere", ha detto Dudley. "In superficie, questo non sembrare un grosso problema, ma non abbiamo mai avuto prima. Questo è solo un esempio dell'incredibile aumento di disponibilità di farmaci in quelle zone. Io non voglio sfidare la logica economica e dire l'offerta crea la domanda, ma in una certa misura ci si sente in questo modo ".


Colombiano antinarcotici della polizia garantire un laboratorio di produzione di cocaina gestito da guerriglieri delle FARC nel gennaio 2012. (Photo by Mauricio Duenas / EPA)

Una volta che il coke raggiunge il Messico, gruppi come il cartello di Sinaloa pastore che via terra attraverso i territori regionali chiamati "piazze" per la frontiera degli Stati Uniti. Antonio Mazzitelli, rappresentante dell'UNODC per il Messico, ha detto sequestri di cocaina nel paese hanno iniziato a precipitare intorno al 2009 come la violenza ha raggiunto il picco nel corso di una guerra a tutto campo tra i cartelli e il governo.

"La cocaina non si muoveva verso nord attraverso il Messico perché era troppo rischioso", ha detto Mazzitelli VICE News. "Queste rotte del traffico, che non erano al sicuro più".

Ha detto sequestri di cocaina hanno raccolto ancora una volta negli ultimi otto mesi o giù di lì, una tendenza si è collegato alla distruzione di Los Zetas, un gruppo accusato di gran parte del sangue in guerra alla droga in Messico, e un consolidamento del potere da parte del cartello di Sinaloa, guidata dal recentemente catturato Kingpin Joaquin "El Chapo" Guzman e il suo partner Ismael "El Mayo" Zambada, che rimane in generale.

Correlati: Mexico non vincerà mai la sua guerra contro la droga - ma sta andando a continuare a combattere ogni caso

"Fondamentalmente, il business della droga è stata interrotta con la violenza", ha detto Mazzitelli. "Questa è una caratteristica economica normale - più violenza significa più rischio economico agli operatori che si muovono roba Ora la situazione si è stabilizzata.".

"The Pacific (Sinaloa) Cartello in mezzo alla violenza stava proponendo agli altri cartelli di aderire a una federazione", ha aggiunto. "Erano business-oriented, che dicevano 'Fermiamo questo e tornare al lavoro.'"

Una volta che una spedizione di cocaina raggiunge il confine degli Stati Uniti, i cartelli impiegano una vertiginosa serie di tattiche per contrabbandare trasversalmente, tra cui si nasconde la droga nelle spedizioni di merci legittimi, avendo corrieri della droga umani portano carichi a piedi attraverso il deserto, e la costruzione di lunghe ed elaborate transfrontaliera gallerie. E 'un gioco costante di gatto e al topo con le forze dell'ordine.

"Chiaramente, i trafficanti sono sempre pensando a nuovi metodi per la roba in movimento", ha detto Mazzitelli. "Non appena il focus è sul tunnel, trafficanti troveranno un nuovo modo per fare questo, utilizzando motoscafi, droni senza pilota, o piccoli aerei, camion, auto - qualsiasi altra cosa, questo dipende dalla capacità dell'organizzazione traffico di droga."

Eroina: afghani Papaveri e oro Triangoli
Proprio come la cocaina, la fornitura di eroina mondiale proviene da pochi paesi, ma uno in particolare è emerso come la fonte di quasi tutti schiaffo del mondo. Secondo l'UNODC, l'Afghanistan "ha un monopolio virtuale sul produzione illecita di oppio, la produzione di 6.900 tonnellate nel 2009-95 per cento della fornitura globale".

L'Afghanistan è stata a lungo una fonte di eroina, ma il notevole aumento della produzione di papavero dal paese può essere fatta risalire direttamente alla invasione guidata dagli Usa del paese nel 2001. In quell'anno, secondo l'UNODC, i coltivatori afgani coltivano circa 8.000 ettari ( 20.000 acri) di piante di papavero. Entro il 2014, questa cifra è salito alle stelle a più di 224.000 ettari (553,500 acri). L'impianto, che era stato messo fuori legge sotto il regime dei talebani, ora finanzia rivolta in corso del gruppo contro il governo sostenuto dagli Stati Uniti a Kabul.

"Esiste un rapporto simbiotico tra la rivolta e il traffico di stupefacenti organizzato", il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha scritto nella sua relazione sul 2015 il commercio mondiale di droga. "I trafficanti forniscono armi, finanziamento e altro materiale di supporto per l'insurrezione in cambio della protezione delle rotte commerciali di droga, campi di coltivazione, laboratori, e le organizzazioni di traffico."

Afghanistan fornisce quasi tutto il dell'eroina consumata in Europa, Medio Oriente e Africa, mentre anche al comando di una quota considerevole del mercato in alcune parti dell'Asia, del Pacifico e del Nord America. L'UNODC stima che il business dell'eroina mondiale è valutato $ 55 miliardi di dollari all'anno, e l'Afghanistan è pensato per produrre 375 tonnellate di droga ogni anno. Questo è significativamente più che i prossimi due produttori di eroina più grandi - Messico (26 tonnellate all'anno, secondo gli Stati Uniti) e Myanmar (circa 50 tonnellate, per l'UNODC) - combinato.


Storicamente, l'eroina afgana è defluito in Europa attraverso ciò che è noto come "la via dei Balcani", un percorso via terra che si estende ad ovest attraverso l'Iran, la Turchia e la Grecia e attraverso la Serbia, l'Ungheria, e di altre nazioni nei Balcani. L'UNODC rileva che questo percorso è "estremamente ben organizzato e lubrificato con la corruzione." Un altro percorso, il "Cammino del Nord," manda l'eroina in Russia attraverso i paesi "stan": il Tagikistan, l'Uzbekistan, il Turkmenistan, e Kazakistan.

"Circa un terzo dell'eroina prodotta in Afghanistan viene trasportato in Europa attraverso la rotta dei Balcani, mentre un quarto è trafficata a nord verso l'Asia centrale e la Federazione russa lungo il percorso nord", dice l'UNODC. "Eroina afgana è sempre più incontrando una quota in rapida crescita della domanda asiatica. Circa 15-20 tonnellate sono stimati ad essere trafficate in Cina, mentre altri 35 tonnellate sono vittime della tratta per altro del Sud e paesi del sudest asiatico."

Uno sviluppo recente ha visto l'eroina afgana più - una stima di 35 tonnellate metriche all'anno - spediti attraverso l'Oceano Indiano a parti orientale e meridionale. L'UNODC ha detto che è anche diventando sempre più comune per i contrabbandieri di eroina di usare le loro reti per il contrabbando di hashish, metanfetamine e altre merci illecite.

"In una certa misura, c'è stato anche uno spostamento al centro delle rotte del traffico stessi", l'UNODC ha scritto. "C'è una crescente evidenza che le rotte tradizionalmente utilizzati per il contrabbando un tipo di droga sono ora utilizzati per il contrabbando di altri tipi di droga."

Secondo la polizia Royal Canadian Mounted, almeno il 90 per cento dell'eroina sequestrata in Canada 2009-2012 venuto dall'Afghanistan. Questo è in netto contrasto con gli Stati Uniti, dove la stragrande maggioranza di eroina ora arriva dal Messico. L'UNODC attribuisce il recente aumento di dipendenza da eroina negli Stati Uniti a "cambiamenti nella formulazione di OxyContin, uno dei principali oppioidi prescrizione che sono abusivo, così come un aumento della disponibilità di eroina e una diminuzione del suo prezzo in alcune parti del paese."

'I messicani stanno producendo un prodotto di migliore qualità e si spostano in mercati precedentemente dominati dai colombiani.'
papaveri da oppio possono essere trovati in quasi ogni regione del mondo, ma sono stati introdotti in Messico alla fine del 1800 da immigrati cinesi. L'impianto è ora coltivato soprattutto da contadini impoveriti in zone montuose degli stati di Guerrero e Nayarit, e nel cosiddetto Triangolo d'Oro, una regione senza legge sulle frontiere di Sinaloa, Durango e Chihuahua. Il cartello di Sinaloa controlla la maggior parte della produzione di eroina, e l'organizzazione ha iniziato a muoversi dalla produzione di qualità inferiore "catrame nero" eroina di qualità superiore "La Cina bianco", che è più redditizio e apprezzata dai consumatori nel nordest degli Stati Uniti.

Per anni, la Colombia è stato il principale fornitore di "China bianca" negli Stati Uniti, ma la produzione di papavero è costantemente diminuita nel paese nel corso dell'ultimo mezzo decennio. Bargent, l'esperto di crimine organizzato Colombia-based, ha detto messicani hanno intensificato per soddisfare la domanda americana.

"Tutte le prove punta a un massiccio declino [nella produzione di eroina colombiana], e questo è in gran parte perché i messicani stanno riempiendo quel mercato", ha detto Bargent. "Quello che sembra accadere è i messicani stanno producendo un prodotto di migliore qualità e si spostano in mercati precedentemente dominati dai colombiani, e non credo che ci sia alcun pushback da loro su questo."


Un ragazzo estrae l'oppio prime utilizzate nella produzione di eroina in un campo di papaveri in Nangarhar, in Afghanistan nel mese di aprile 2016. (Photo by Ghulamullah Habibi / EPA)

L'unico altro significativo regione di eroina-produzione è un altro Triangolo d'Oro, - zona di confine tra il Myanmar, Laos e Thailandia. La coltivazione del papavero è giù nel complesso in Myanmar, ma è è aumentato nelle parti orientali di conflitto, tormentata del paese che rimangono sotto il controllo dei signori della guerra e gruppi come gli Stati Wa State Army, un gruppo ribelle 20.000 forte che è fortemente coinvolta nelle narcotici Commercio. Secondo Tun Nay Soe, UNODC coordinatore del programma per l'Asia orientale, si stima che il 90 per cento dell'eroina prodotta in Myanmar finisce in Cina, con il restante 10 per cento di andare in altri paesi del Sud-Est asiatico.

Jeremy Douglas, il rappresentante regionale dell'UNODC per il Sudest asiatico, ha detto che i confini relativamente deboli nel triangolo d'oro lo rendono pronto per essere sfruttato dai contrabbandieri. Prodotto muove su terra a nord in Cina, o in barca lungo il fiume Mekong e in tutta la regione.

"Tra il Laos e Thailandia, si può tranquillamente ottenere maggior parte delle cose in tutto," ha detto Douglas. "Non è esattamente la scienza a razzo Lo stesso con la Thailandia e Myanmar -. I flussi non sono realmente trattenuti dal controllo dei meccanismi che ci si avere al massimo i confini perché non hanno la capacità protettiva."

Correlati: Dopo El Chapo: Il mondo del 10 Most Wanted Drug Lord

-Alti funzionari dalla Cina, Laos, Myanmar, Thailandia e Vietnam riuniti la settimana scorsa alle Nazioni Unite per un "side event" per discutere lo sviluppo di "una risposta regionale coordinata per la produzione di droga." Douglas, che ha ospitato la discussione, ha detto una maggiore sicurezza alle frontiere era all'ordine del giorno, ma è stato incoraggiato dalle richieste di una maggiore "equilibrio" nel approccio collettivo alla droga nella regione. La maggior parte delle nazioni le regioni hanno leggi sulla droga dure - Cina mette abitualmente reati di droga a morte - e offrono poco l'accesso alla riabilitazione per tossicodipendenti.

"Hanno bisogno di guardare la domanda per i farmaci, che è senza sosta", ha detto Douglas. "Finché la domanda c'è, la criminalità organizzata sta per affrontarla."

La metamfetamina: enormi profitti e "Super Labs '
La domanda di metanfetamina è salito rispetto allo scorso vertice di droga delle Nazioni Unite nel 1998, ed è diventato uno dei più popolari - e redditizi - sostanze illecite in quasi ogni angolo del mondo. Da Australia e Asia in Africa e Nord America, meth è il farmaco manifesto per l'economia globale narco.

Le quantità di meth confiscati dalle autorità negli ultimi dieci anni riflettono la sua ascesa. Secondo l'UNODC, convulsioni meth globali quasi quadruplicato da 24 tonnellate nel 2008 a 114 tonnellate nel 2012. sequestri Meth in Messico è passato da 341 kg nel 2008 a 44 tonnellate nel 2012. In Australia, i sequestri di metanfetamina in Australia salito di oltre il 400 per cento in un solo anno, salendo da 426 chilogrammi nel 2011 a 2.269 chili nel 2012.

In Asia, meth è prodotto principalmente in Cina, dove i precursori chimici necessari per sintetizzare la droga sono abbondanti, e nella regione senza legge Triangolo d'Oro del Myanmar e Laos. Douglas, il rappresentante dell'UNODC nel sud-est asiatico, ha detto che "crystal meth è che esplode nella regione." Secondo la stima preliminare della UNODC, 25 tonnellate di metanfetamine sono stati sequestrati lo scorso anno in tutta la regione.

Douglas ha detto che parte del fascino di meth di trafficanti di droga è relativamente bassi costi di avvio e di struttura. La produzione di eroina richiede di pagare centinaia di agricoltori di tendere le colture che possono produrre solo una quantità limitata di papavero gomma per ogni raccolto. Per meth, ci vuole solo un carico di relativamente facili da ottenere i prodotti chimici e un po 'di know-how scientifico. Il farmaco può essere spedito in paesi come l'Australia, che offre il prezzo più alto per ogni chilo di metanfetamina in qualsiasi parte del mondo, e venduto per un enorme profitto.

"Non hanno bisogno di impiegare migliaia di agricoltori per la produzione di materie prime", ha detto Douglas. "Fondamentalmente hanno solo bisogno di ottenere l'accesso ai precursori. Si tratta di un modello di business molto più affiatata e più redditizio per la criminalità organizzata di eroina."


Un nuovo sviluppo, secondo Douglas e Soe, è che le aziende farmaceutiche indiane stanno fornendo produttori meth in Myanmar con gli ingredienti di laboratorio necessari. Le autorità hanno arrestato le spedizioni di milioni di pillole pseudoefedrina attraversamento est dall'India attraverso il confine poroso con il Myanmar. I funzionari hanno detto UNODC le pillole sono stati recentemente realizzati, che indica che sono stati probabilmente realizzati su ordinazione per fini illeciti, piuttosto che deviato da un uso legittimo.

Ma per la maggior parte, i prodotti chimici utilizzati per rendere meth del mondo hanno origine in Cina, dove l'industria farmaceutica in espansione produce tutti gli ingredienti grezzi per la produzione di "ghiaccio", il nome comune di frammenti vitrei di crystal meth elevata purezza. Secondo i dati presentati dal governo cinese alla UNGASS, il paese sequestrato un enorme 20.338 tonnellate di precursori chimici meth dal 2009 al 2015. Busti hanno dimostrato che i singoli paesi sono in grado di produrre enormi quantità di droga. Su un solo giorno nel 2013 in Boshe, un villaggio a nord est di Hong Kong sul continente cinese, le autorità sequestrato tre tonnellate di meth e più di 100 tonnellate di precursori.

Correlati: agenti degli Stati Uniti Guarda come 'Narco Sub' di trasporto $ 194 milioni di dollari di cocaina Lavelli Dopo Busto

"[Con] crystal meth, il leader sembra essere la Cina, ma producono anche quantità significative nelle Filippine e in Indonesia, e anche in una certa misura in Myanmar", ha detto Douglas. "Ma quello che abbiamo visto in questi ultimi anni è la produzione su scala industriale da pochi laboratori in Cina."

La DEA ha stimato che i cartelli messicani producono il 90 per cento del meth consumata negli Stati Uniti. La maggior parte dei mom-and-pop cuochi meth nel Midwest sono stati messi fuori dal mercato da leggi che limitano l'accesso alla medicina fredda che contiene precursore pseudoefedrina, e quel vuoto era stato riempito da prodotto di elevata purezza dalla cosiddetta "super messicano laboratori "alimentati da sostanze chimiche cinesi.


Un ufficiale di polizia nelle Filippine detiene elevata purezza crystal meth - conosciuto localmente come "shabu" - dopo un busto a sud di Manila nel gennaio 2014. (Photo by Dennis M. Sabangan / EPA)

In un caso famoso, un uomo d'affari cinese-messicano di nome Zhenli Ye Gon è stato arrestato nel 2009 dopo la polizia ha trovato milioni di $ 207 in contanti nascosti nella sua villa a Città del Messico; In seguito ha ammesso di vendita di tonnellate di precursori meth al cartello di Sinaloa. Un altro cartello, i Cavalieri Templari, è noto per inviare minerale di ferro estratto illegalmente in Cina dai porti nello stato di Michoacan, in cambio di precursori meth. (Non è forse la più strana tale commercio delle materie prime a verbale: sudafricani produttori meth riferito scambiano abalone in camicia - un tipo di mollusco pregiato in Cina - per i precursori.)

Il collegamento tra i gruppi messicani, in particolare il cartello di Sinaloa, e organizzazioni criminali asiatiche è ben documentato. All'inizio dello scorso anno, un presunto cartello di Sinaloa operativo di nome Horacio Hernandez Herrera è stato arrestato a Manila, e le autorità locali in seguito ha confermato che la sua organizzazione ha tentato di prendere piede nel commercio meth interna del paese. Poco dopo Herrera è stato arrestato, la polizia nelle Filippine hanno sequestrato 84 chilogrammi di alta qualità crystal meth "shabu" del valore di 9,4 milioni di $ e arrestato tre sospetti con presunti legami con il cartello di Sinaloa.

Correlati: Le autorità siamo noi a trovare 1.600 chili di Weed in una galleria del farmaco in California-Messico Border

Mazzitelli, il rappresentante dell'UNODC in Messico, ha sottolineato che il cartello di Sinaloa è anche stato collegato a operazioni di produzione meth lontani come la Nigeria. Il mese scorso, le autorità di stato Asaba Delta di quel paese hanno arrestato quattro messicani e smantellato una "super-laboratorio" che come riferito ha avuto la capacità di produrre quattro tonnellate di meth a settimana.

"Sono dappertutto", ha detto Mazzitelli del cartello di Sinaloa. "Hanno la capacità di negoziare con i gruppi criminali nigeriani, gruppi criminali europei - forniscono a tutti Sono uomini d'affari.".

Ha paragonato l'intesa per una società "multinazionali", e ha citato il "spirito imprenditoriale" dei trafficanti messicani e il "vantaggio tecnico" i Sinaloans hanno rispetto ai loro concorrenti come ragioni per l'espansione globale del gruppo.

"In questi ultimi 15 anni, hanno trasformato il business illecito di droga in un business in tutto il mondo," ha detto. "Sono ovunque. Hanno avuto la capacità di sfruttare la globalizzazione della domanda di droghe illecite. Essi hanno la capacità di fornire tutti i tipi di droga in tutto il mondo."


(fonte https://news.vice.com/article/drug-trafficking-meth-cocaine-heroin-global-drug-smuggling)