giovedì 25 febbraio 2016

Aggiornamenti sul CONFLITTO DI INTERESSI

Chi non ricorda il bombardamento della stampa dei decenni passati sul conflitto d'interessi? Se ne parlava anche al bar.
Bene, aspettatevi nei prossimi giorni un ritorno di fiamma, ovviamente in perfetto bomba style: legge inconsistente ed inutile, ma proclami sensazionali.



Purtroppo, come sempre, non basta scrivere nel titolo di una legge "conflitto d'interessi" nè tanto meno sono sufficienti i tweet del premier.

La legge in discussione alla camera è la solita legge vuota. Ed è un gran peccato, perchè la proposta iniziale non era per nulla una cattiva legge, anzi un buon testo base da cui partire. Ma cosa è accaduto?

E' accaduto che un anno fa, con una scusa banale, il testo già approdato in aula viene rimandato in commissione. Il testo si trasforma completamente. E con chi decide il pd di riscriverlo? Con l'avvocato di Berlusconi, "onorevole" Sisto, chapeau!

Cosa contiene (o non contiene) il nuovo testo rispetto al precedente?

Sparisce l'applicazione anche ai parlamentari*, ai consiglieri regionali, agli eurodeputati, alle authority e a Banca D'Italia, per lasciare unicamente il controllo sui governi nazionali e regionali (per quest'ultimi rimandata a leggi regionali).

Non vi è più traccia del conflitto d'interesse non patrimoniale, cioè non legato ad un vantaggio economico.

Il controllore, l'authority antitrust, avrà una nuova composizione: 5 membri eletti dal parlamento (3 camera e 2 senato), senza una maggioranza qualificata nel voto. In pratica Governo e maggioranza si comprano l’arbitro.

Sanzioni inutili: l'autorità controlla le dichiarazioni di chi assume cariche di Governo e, se riscontra conflitto d’interessi, invita il soggetto a rimuovere le condizioni, affidando a terzi la gestione dei suoi affari. Se ciò non avviene deve astenersi in quei provvedimenti che configurano un potenziale conflitto d’interessi. Se comunque partecipa alla decisione, scattano sanzioni solo pecuniarie. Nessuna nullità dell'atto o decadenza della carica, come avevamo chiesto.

Nonostante tutti i proclami di cui udirete nei prossimi giorni, purtroppo anche per questa legislatura difficilmente nel nostro Paese vedrà la luce una vera legge sul conflitto d'interessi. D'altronde come si può pretendere da una maggioranza piena di conflitti d'interessi (uno su tutti il Ministro Guidi) una legge seria sul tema?

Dopo un anno di inciucio questa maggioranza è riuscita a stravolgere in peggio una buona legge, per crearne una che, con 20 anni di ritardo, riesce a sancire unicamente che Berlusconi non potrà più essere Presidente del Consiglio, complimenti per la puntualità! Ovviamente dimenticando tutti gli altri conflitti, in particolare quelli interni ai loro partiti.

La tragicità è che il nostro Paese ha bisogno urgente di una legge seria, così come di una vera legge sull'anticorruzione, ma che solo un governo senza le mani legate, dedito agli interessi della collettività e non ad interessi particolari potrà portare avanti.

Questi i due testi per chi vuole approfondire

Testo prima lettura http://bit.ly/1WKD2IM

Testo seconda lettura http://bit.ly/1LeEt1n

*per i parlamentari e per i consiglieri regionali si parla solo di ineleggibilità (facilmente raggirabile)

FONTE: https://www.facebook.com/VincenzoCasoM5S/photos/np.1456401607415965.100002166128453/1106120819420604/